bonus ristrutturazione ed energia Archivi - Idea Ceramica
+39 (06) 86 80 2540
Bonus edilizia anche per il 2018

Bonus Edilizia 2018

Oggi riportiamo un interessante articolo tratto da Italia Oggi e firmato da Fabrizio G. Poggiani, dedicato alla decisione da parte del governo di prorogare i bonus edilizia anche per il 2018.

Bonus edilizia anche per il 2018

Prorogata la detrazione Irpef del 50% sulle spese sostenute fino al 31 dicembre 2018, per gli interventi destinati al recupero edilizio, nella misura massima di 96 mila euro per unità abitativa.

Confermato, inoltre, il bonus mobili per gli acquisti effettuati nel corso del 2018, ancorati alla ristrutturazione.

Queste le conferme rilevabili dalla legge di bilancio 2018 per quanto riguarda i più importanti bonus per la casa, che si aggiungono al sisma bonus e alla confermata (e modificata in parte) agevolazione per la riqualificazione energetica.

Come detto, innanzitutto, è stata prorogata a tutto il 2018, l’agevolazione inerente al recupero edilizio, di cui all’art. 16-bis, dpr 917/1986 (Tuir), nella misura massima di spesa pari a 96 mila euro per unità abitativa; la detta detrazione era stata ulteriormente prorogata fino al 31 dicembre di quest’anno (commi 2 e 3, art. 1, legge di Bilancio 2017).

Numerose le tipologie di spesa rilevanti ai fini della fruizione del bonus (tra le altre, le spese relative agli interventi di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia sulle singole unità immobiliari di qualsiasi categoria catastale, anche rurali e sulle loro pertinenze, in relazione alle parti comuni di edifici residenziali, le spese relative agli interventi di manutenzione ordinaria, le spese per la realizzazione di parcheggi pertinenziali, box e posti auto, nonché le spese per le opere finalizzate alla cablatura degli edifici, al contenimento dell’inquinamento acustico, alla sicurezza statica e antisismica e quant’altro).

La detrazione in commento spetta nella misura del 50%, a decorrere dalle spese documentate, sostenute dal 26/06/2012 e fino al 31/12/2018, per un ammontare massimo di 96 mila euro per unità immobiliare.

Qualora gli interventi sulla singola unità immobiliare consistano nella prosecuzione di lavori iniziati negli anni precedenti, ai fini della determinazione del limite massimo delle spese detraibili, occorre tenere conto delle spese sostenute negli anni pregressi, e rientrano nel conteggio del limite massimo di 96 mila euro anche le spese «per un diverso e autonomo intervento relativo allo stesso immobile».

Se gli interventi sono eseguiti, sia sulla singola unità immobiliare sia sulle parti comuni condominiali, il limite massimo di spesa indicato deve essere riferito autonomamente alle due tipologie di interventi, in quanto oggetto di un’autonoma previsione agevolativa (ris. 206/E/2007).

Si ricorda che, per fruire della detta agevolazione, è necessario tenere a disposizione dell’amministrazione finanziaria la relativa documentazione, come le abilitazioni amministrative o la dichiarazione sostitutiva, la domanda di accatastamento per gli immobili non censiti, le ricevute di versamento tributi locali (Ici e Imu), la delibera assembleare per le spese sostenute sulle parti in comune, l’eventuale comunicazione inizio lavori, le fatture o ricevute fiscali e la copia dei bonifici eseguiti.

Su tale ultimo adempimento si ricorda la necessità di eseguire bonifici tracciabili, anche se l’Agenzia delle entrate (circ. 43/E/2016) ha precisato che la detrazione Irpef, per gli interventi di recupero edilizio e quella Irpef/Ires per la riqualificazione energetica, spetta anche se il bonifico è incompleto e non sia stato possibile operare la ritenuta.

È stato esteso anche il bonus per l’acquisto di mobili, di cui al comma 2, dell’art. 16 del dl 63/2013, che prevede la detrazione del 50% delle spese sostenute per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici e che interessa soltanto i soggetti che possono beneficiare della detrazione Irpef del 50% per interventi di recupero del patrimonio edilizio sulle spese sostenute dal 26/06/2012 al 31/01/2017 (circ. 29/E/2013); dette spese, sostenute per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici, sono computate, ai fini della fruizione della detrazione di imposta, indipendentemente dall’importo delle spese sostenute per i lavori di ristrutturazione.

Infine, utile l’interpretazione autentica sui beni significativi, la quale evidenzia che, per l’applicazione dell’aliquota Iva ridotta del 10% alle prestazioni di servizio, nell’ambito delle prestazioni di manutenzione, è necessario considerare, come valore totale, quello dei beni significativi, comprensivo dell’ammontare delle parti, ancorché staccate, non autonome

Read More
Idea Ceramica: suggerimenti per gli acquisti in negozio

Idea Ceramica - Suggerimenti acquisti in negozio

Qual è il mese dell’anno migliore per dare un volto nuovo al proprio appartamento? Senza alcun dubbio, settembre. Parola dello staff di Idea Ceramica, negozio di ceramiche a Roma in zona Talenti, che ha scelto oggi di offrire ai propri clienti alcuni brevi ma efficaci suggerimenti per gli acquisti in negozio a chi, di ritorno dalle vacanze estive, desidera rinnovare interamente o in parte la propria casa.

Idea Ceramica: quali sono i suggerimenti per gli acquisti in negozio?

Di seguito, i suggerimenti per gli acquisti in negozio da parte dello staff di Idea Ceramica.

Confrontare i prezzi

In ogni situazione, a maggior ragione quando si ristruttura un appartamento, si cerca di contenere le spese. Per questo è importante non fermarsi alla ‘prima vetrina che s’incontra’ ma richiedere diversi preventivi e scegliere quello che offre un servizio di qualità a un ottimo prezzo. Non sempre scegliere il preventivo più basso è conveniente: il materiale potrebbe essere di scarsa qualità o potrebbe non essere compreso nell’offerta il prezzo di trasporto e/o consegna (che andrebbe nel caso pagato a parte).

Controllare le promozioni attive

Prima di imbattersi in estenuanti ricerche o confronti di preventivi innumerevoli, è opportuno controllare sempre i siti web o le pagine Facebook dei negozi a cui si intende andare a fare visita. Spesso, infatti, in rete vengono inserite delle offerte e promo molto vantaggiose, accessibili solo a coloro che sono attivi sulla rete. Capita che le promozioni non vengano proposte a chi si reca direttamente in negozio.

Chiedere informazioni e consigli agli ‘esperti’

Non si deve avere timore di chiedere consigli e informazioni al personale dei negozi selezionati: prezzi, qualità e caratteristiche dei materiali, abbinamento colori. Delle volte una semplice domanda a ‘un esperto’ può rivelarsi un ottimo suggerimento e un gran risparmio di tempo per chi non è addetto ai lavori.

Read More
Lavori di ristrutturazione: in media si fanno ogni 5 anni

lavori di ristrutturazione - Idea Ceramica

Dalla una ricerca condotta dal negozio di ceramiche romano Idea Ceramica è emerso che sono sempre di più gli italiani che – complice la legge di stabilità 2016 (legge n. 208 del 28 dicembre 2015) la quale proroga fino al 31 dicembre 2016 la detrazione del 50% per le ristrutturazioni edilizie – scelgono di rimodernare la propria casa iniziando dalle stanze che si usurano più velocemente: il bagno e la cucina.

Infatti, sono le stanze della casa nelle quali viene giornalmente adoperata l’acqua a deteriorarsi più velocemente. Nel bagno sono le fughe tra le mattonelle in prossimità delle tubazioni a lasciar trapelare le infiltrazioni fino a far rovinare i mobili e le ceramiche. In cucina, invece, è spesso il pavimento sotto la lavastoviglie o il lavandino a rialzarsi.

Fortunatamente, non solo chi sostiene spese per i lavori di ristrutturazione edilizia può fruire della detrazione d’imposta Irpef pari al 36% (per le spese sostenute dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2016, la detrazione Irpef sale al 50%) ma anche chi acquista nuovi mobili o elettrodomestici.

L’Agenzia delle Entrate, riguardo questo aspetto, specifica che una detrazione del 50% spetta anche sulle spese sostenute, dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2016, per l'acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe A+ finalizzati all'arredo dell'immobile oggetto di ristrutturazione.

Ma ogni quanto si compiono, in media, lavori di ristrutturazione domestica? Dall’indagine condotta dallo staff di Idea Ceramica, è emerso che vengono effettuati abbastanza frequentemente, almeno ogni 5 anni, soprattutto da proprietari di appartamenti in condomini edificati negli anni ’60 e ’70. Meno frequenti sono gli interventi di ristrutturazione in palazzine unifamiliari, anche se più antiche.

Read More
Come arredare le case per gli studenti

affittare casa studenti - Idea Ceramica

Con l'arrivo di settembre si avvicina il momento in cui molti studenti si riversano nelle città universitarie, in particolare Roma, per frequentare le lezioni. In Italia gli universitari fuori sede sono circa il 40% di tutti gli iscritti, dunque sono tantissimi i ragazzi non residenti nella città dove frequentano l’università; per loro è dunque necessario trovare un alloggio dove appoggiarsi tra una lezione e l’altra. Al tempo stesso, per i proprietari delle case, arriva il fatidico momento di arredare queste case per studenti per renderle appetibili all’affitto.

Il pensiero comune di molti proprietari è quello che gli studenti non hanno cura delle loro case, per questo tendono a scegliere materiali e complementi d’arredo di scarsa qualità. Nulla di più sbagliato: scegliendo, infatti, materiali resistenti e facilmente pulibili è possibile garantire un buon effetto anche senza una manutenzione costante.

Inoltre un buon arredo, se scelto con cognizione di causa, permette di scongiurare il rischio di sostituzioni frequenti: è meglio arredare una volta per tutte con mobili resistenti piuttosto che andare ricomprando in occasione di frequenti danni a mobili di scarsa qualità.

Idea Ceramica, negozio di ceramiche a Roma, vuole oggi fornire dei consigli per arredare al meglio queste case per studenti, senza spendere troppo e con un occhio alla funzionalità.

Materiali lavabili e resistenti alle macchie. Il piano della cucina, le piastrelle para schizzi, le ceramiche dei bagni, la cabina della doccia… ogni superficie della casa deve essere lavabile e soprattutto non deve rovinarsi facilmente a contatto con alcune sostanze. Ad esempio: bandito il marmo che non resiste a una traccia lasciata dal fondo di una bottiglia di vino rosso o una ceramica delicata che perde lucentezza se pulita con uno sgrassatore universale. I ragazzi, infatti, spesso non conoscono i materiali e non sanno come pulirli, per questo acquistano sgrassatori che poi utilizzano indistintamente dalla cucina al bagno; per questo motivo spendere per materiali buoni permette di non dover cambiare arredi dopo solo un anno.

Pavimenti facili da pulire e con effetto “vedo non vedo” (lo sporco). Si sa, quando si è universitari alla pulizia della casa non viene dedicato tempo giornaliero, semmai settimanale, se va bene. Per questo i pavimenti devono essere effetto melange, così da nascondere lo sporco. No a pavimenti bianchi, dunque, ed è vietato anche il parquet: troppo difficile da pulire e troppo facilmente rovinabile se accidentalmente cade qualcosa nel corso di una cena goliardica. Via libera al gress di tonalità beige o grigie, meglio se screziato.

Infissi resistenti. Nelle grandi città uno dei problemi delle case è quello del forte inquinamento acustico a causa del traffico. Quando si ristruttura una casa per studenti, quindi, è importante scegliere degli infissi buoni, resistenti e facili da pulire così da affrontare questa spesa una sola volta garantendo ai ragazzi affittuari la possibilità di studiare (e di dormire) in un ambiente silenzioso. E questo fa guadagnare punti in vista di una scelta tra due case in affitto.

Read More
Bonus Ristrutturazione ed Energia: confermati per il 2016

bonus ristrutturazioni ed energia - Idea Ceramica

Una buona notizia per tutti coloro che hanno intenzione di ristrutturare casa nel corso del 2016. Sono stati, infatti, confermati ufficialmente nella nuova legge di Stabilità in vista del nuovo anno ormai alle porte i bonus ristrutturazione ed energia. Anche nel 2016, quindi, chiunque effettuerà lavori di ristrutturazione edilizia e riqualificazione energetica potrà usufruire delle detrazioni Irpef del 50% e del 65%.

I Bonus Ristrutturazione sono ammessi per un tetto massimo di 96mila euro ammortizzati in dieci rate annuali. I lavori riguardano gli interventi di manutenzione ordinaria e manutenzione straordinaria effettuati sulle parti comuni di edificio residenziale e su singole unità immobiliari residenziali, gli interventi di restauro e di risanamento conservativo, gli interventi di ristrutturazione edilizia, gli interventi per la ricostruzione o il ripristino dell’immobile danneggiato a seguito di eventi calamitosi e gli interventi per il restauro, il risanamento conservativo e la ristrutturazione edilizia per interi fabbricati, eseguiti da imprese di costruzione o ristrutturazione immobiliare e da cooperative edilizie, che provvedano entro 18 mesi dal termine dei lavori alla successiva alienazione o assegnazione dell’immobile.

I Bonus Energia, invece, sono relativi ai lavori di riduzione del fabbisogno energetico per il riscaldamento, al miglioramento termico dell’edificio, all'installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda e alla sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale.

Per usufruire dei Bonus Ristrutturazione ed Energia è necessario aver eseguito il pagamento attraverso "bonifico parlante", ovvero il bonifico bancario o postale indicando: causale del versamento, codice fiscale del beneficiario della detrazione, numero di partita Iva o codice fiscale del soggetto a favore del quale il bonifico è effettuato.

Read More
Offerte da non perdere